Feed on
Articoli
Commenti

Oggi è la festa della mamma,
ma tu Gloria mia,
mamma nun sei stata,
alla Madonna der Sacrato,
me sò rivorto come sempre,
pè levatte, ‘sta pena dar còre,
e nun fatte soffrì più così.

No! Nun t’addolorà
si nun sei mamma,
te vojo bene ancora
più de prima,
questo è ‘r destino che,
Dio ha voluto
te canto sottovoce così,
‘sto sentimento che,
profuma l’aria,
t’aiuta a sopportà,
quest’amarezze,
io prego la Madonna,
e mamma mia
de beneditte sempre,
da lassù.

Oggi nessuno t’acclamata,
ma tu Gloria mia,
sei ‘na perla rara,
vicino a te io sò felice,
è ‘r core mio che te lo dice,
vojo vive sempre abbracciato,
e finì drento a sogno cò te.

‘Sto sentimento che,
profuma l’aria,
t’aiuta a sopportà,
quest’amarezze,
io prego la Maddonna,
e mamma mia
de beneditte sempre,
da lassù.

A tocchi, a tocchi, la campana sona:
li turchi so’ arivati a la marina
chi cià le scarpe rotte l’arisola,
le mie l’ho arisolate stamatina.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

Amore, amore, manname un saluto;
sto drento a San Michele carcerato
me sento come n’arbero caduto,
da amichi e da parenti abbandonato.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

E si de’ sfortunati stanno ar monno,
uno de quelli me posso chiamare
butto ‘na paja a mare e me va a fonno,
all’antri vedo er ferro galleggiare.

Come te posso amà?
Come te posso amà?
Si esco da ‘sti cancelli
quarchiduno me l’ha da pagà.

Stanotte doppo ‘n anno d’agonia
me sò riabbraccicato la chitara
a core a core cò ‘st’amica cara
me sò ‘mbriacato alla salute mia
er vino m’h’annebbriato er sentimento
e adesso quasi quasi a tradimento
m’ha riportato qua
e mo già che ce sto vojo cantà

Fior de caggìa
li baci che sa dà la bocca tua
se l’è ‘mparati sulla bocca mia
aaa
aaaaaa

Stanotte nu’ lo so si che me sento
io nu’ lo so capì che m’è successo
me vié da piagne ride ar tempo stesso
e me vorebbe sperde come er vento
sò scherzi che combina l’allegria
nun te li compri drent’all’osteria
nun te ne poi fidà
e mo già che ce sto vojo cantà

Fior de giardino
ho pianto ‘n annastille de veleno
mo me te piagno a lacrime de vino
aaa
aaaaaa

Quanto sei bella,
quanto me piaci,
mozzichi e baci,
te vojo da’.

Te la ricordi Lella quella ricca
la moje de Proietti er cravattaro
quello che c’ha er negozio su ar Tritone
te la ricordi te l’ho fatta vede
quattr’ anni fa e nun volevi crede
che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io.
Te lo ricordi poi ch’era sparita
e che la gente e che la polizia
s’era creduta ch’era annata via
co’ uno co’ più sordi der marito…

E te la vojo di’ che so’ stato io…
so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
te lo vojo di’ ma nun lo fa’ sape
nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te…..

Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno
fa’ l’amore cor freddo che faceva
però le carze nun se le tojeva
A la fiumara ‘ndo ce sta’ er baretto
tra le reti e le barche abbandonate
cor cielo grigio afacce su da tetto
‘na matina ch’era l’urtimo dell’anno
me dice co’la faccia indifferente:
me so’ stufata nun ne famo gnente
e tireme su la lampo der vestito…

E te la vojo di’ che so’ stato io…s
o’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
te lo vojo di’ ma nun lo fa’ sape
nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te…..

Tu nun ce crederai nun ciò più visto
l’ho presa ar collo e nun me so’ fermato
che quann’è annata a tera senza fiato…
Ner cielo da ‘no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co’ ‘ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro
nun ciò rimorsi e mo’ ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto…
io ce ritorno solo a guarda’ er mare…

E te la vojo di’ che so’ stato io…
so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
te lo vojo di’ ma nun lo fa’ sape’
nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te…

Alla Renella…
più cresce er fiume e più legna vie’ a galla
io più ve guardo e più ve fate bella…

A ttocchi a ttocchi la campana sona,
li turchi so’ rivati alla matina.
Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola,
io me l’ho risolate stammatina.

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli quarchduno l’ha da pagá.

Amore, amore, manneme un saluto,
che sto a Reggina Celi carcerato,
d’amici e da parenti abbandonato
e so’rimasto solo abbandonato.

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli
quarchduno l’ha da pagá.

S’er papa me donasse tutta Roma
e me dicesse, “Lassa star chi t’ama.”
io je direbbe, “No, sacra corona,
val più l’amore mio che tutta Roma.”

Come te pozz’ amá
Come te pozz’ amá
S’esco da sti cancelli
quarchduno l’ha da pagá.

Quanto sei bella Roma
quanto sei bella Roma a primavera
er Tevere te serve
er Tevere te serve da cintura,
San Pietro e er Campidojo da lettiera,
Quanto sei bella Roma
quanto sei bella Roma a prima sera.
Gira si la vòi girà,
Canta si la vòi cantà.
De qua e de là dar fiume
de qua e de là dar fiume c’è ‘na stella,
e tu nun pòi guardalla
e tu nun pòi guardalla tanto brilla,
e questa è Roma mia, Roma mia bella,
de qua e de là dar fiume,
de qua e de là dar fiume c’è ‘na stella.
Gira si la vòi girà
canta si la vòi cantà

‘Nde ‘sta serata piena de dorcezza
pare che nun esisteno dolori.
Un venticello come ‘na carezza
smove le piante e fa’ bacià li fiori.
Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
L’odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne.

Chissà che ber sorriso appassionato,
state facenno mo’ ch’ariposate.
Chissà, luccica mia, che v’insognate?
Forse, che canta che v’ha innamorato.

Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
L’odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne.

Però, si co’ ‘sto canto, io v’ho svejato,
m’aricommanno che me perdonate.
L’amore nun se frena, o Nina, amate,
che a vole’ bene, no, nun è peccato.

Nina, si voi dormite,
sognate che ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
L’odore de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde fra le fronne.

Guarda che sole
ch’è sortito Nannì
che profumo de rose
de garofani e pansè.
Come tutto un paradiso
li Castelli so’ accosì.
Guarda Frascati
ch’è tutto un sorriso
‘na delizia, n’amore,
‘na bellezza da incanta’.

Lo vedi, ecco Marino
la sagra c’è dell’uva
fontane che danno vino
quant’abbondanza c’è.
Appresso vi è Genzano
cor pittoresco Albano
su viett’a diverti’
Nannì Nannì.

Là c’è l’Ariccia
più giù c’è Castello
ch’è davvero un goiello
co’ quel lago da incanta’.
E de fravole ‘n profumo
solo a Nemi poi senti’.
Sotto quel lago
un mistero ce sta
de Tibberio le navi
con l’antica civiltà.

So meyo de la sciampagna
li vini de ‘ste vigne
ce fanno la cuccagna
dar tempo de Noè.
Li prati a tutto spiano
so’ frutte, vigne e grano
s’annamo a mette lì
Nannì, Nannì.

È sera e già le stelle
te fanno un manto d’oro
e le velletranelle
se mettono a canta’
se sente ‘no stornello
risponde un ritornello
che coro vie’ a senti’
Nannì, Nannì.

Roma nun fa la stupida stasera
damme ’na mano a faje di de si
Sceji tutte le stelle
più brillarelle che poi
e un friccico de luna tutta pe’ noi
Faje sentì ch’è quasi primavera
manna li mejo grilli pe’ fa cri cri
Prestame er ponentino
più malandrino che ciai
Roma nun fa la stupida stasera
Roma nun fa la stupida stasera
Damme ’na mano a faje di de si
Sceji tutte le stelle
più brillarelle che poi
e un friccico de luna tutta pe’ noi
Faje sentì ch’è quasi primavera
manna li mejo grilli pe’ fa cri cri
Prestame er ponentino
più malandrino che ciai
Roma reggeme er moccolo stasera.

Questa famosa canzone romana scritta da Garinei, Giovannini e Armando Trovajoli è stata cantata da molti cantanti fra i quali: Alvaro Amici, Claudio Villa, Renato Rascel, Bruno Martino, Ornella Vanoni, Mina, Franco Califano, Lando Fiorini.

LA SOCIETÀ DEI MAGNACCIONI
Fatece largo che passamo noi,
li giovanotti de sta Roma bella,
semo ragazzi fatti cor pennello,
e le ragazze famo innamorà.
e le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce importa,
se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua,
e noi je dimo, e noi je famo,
c’hai messo l’acqua, e nun te pagamo, ma però,
noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro,
è mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società.

Ce piacciono li polli, l’abbacchi e le galline,
perchè so senza spine,
nun so come er baccalà.
La società de li magnaccioni,
la società de la gioventù,
a noi ce piace de magna’ e beve,
e nun ce piace de lavora’.

Osteee!!

Portace n’artro litro,
che noi se lo bevemo,
e poi ja risponnemo
embe’, embe’, che c’è?

E quando er vino, embe’,
ciariva ar gozzo, embe’,
ar gargarozzo, embe’,
ce fa n’ficozzo, embe’.

Pe falla corta, per falla breve,
mio caro oste portace da beve,
da beve, da beve, zan zan.

Ma si per caso la socera more
se famo du spaghetti amatriciana,
se famo un par de litri a mille gradi,
s’ambriacamo e n’ce pensamo più
s’ambriacamo e n’ce pensamo più.

Che ciarifrega, che ciarimporta,
se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua,
e noi je dimo, e noi je famo,
c’hai messo l’acqua, e nun te pagamo, ma però,
noi semo quelli, che jarisponnemo n’coro,
è mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società.

È mejo er vino de li Castelli
che de sta zozza società parapappappa’.

Articoli precedenti »