Feed on
Articoli
Commenti

Archivio mediante categorie 'Canzoni romane'

A mì moje

Oggi è la festa della mamma, ma tu Gloria mia, mamma nun sei stata, alla Madonna der Sacrato, me sò rivorto come sempre, pè levatte, ‘sta pena dar còre, e nun fatte soffrì più così. No! Nun t’addolorà si nun sei mamma, te vojo bene ancora più de prima, questo è ‘r destino che, Dio […]

Leggi l'articolo completo »

A tocchi, a tocchi, la campana sona: li turchi so’ arivati a la marina chi cià le scarpe rotte l’arisola, le mie l’ho arisolate stamatina. Come te posso amà? Come te posso amà? Si esco da ‘sti cancelli quarchiduno me l’ha da pagà. Amore, amore, manname un saluto; sto drento a San Michele carcerato me […]

Leggi l'articolo completo »

A lacrime de vino

Stanotte doppo ‘n anno d’agonia me sò riabbraccicato la chitara a core a core cò ‘st’amica cara me sò ‘mbriacato alla salute mia er vino m’h’annebbriato er sentimento e adesso quasi quasi a tradimento m’ha riportato qua e mo già che ce sto vojo cantà Fior de caggìa li baci che sa dà la bocca […]

Leggi l'articolo completo »

Lella

Te la ricordi Lella quella ricca la moje de Proietti er cravattaro quello che c’ha er negozio su ar Tritone te la ricordi te l’ho fatta vede quattr’ anni fa e nun volevi crede che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io. Te lo ricordi poi ch’era sparita e che la gente e che la […]

Leggi l'articolo completo »

A la renella

Alla Renella… più cresce er fiume e più legna vie’ a galla io più ve guardo e più ve fate bella… A ttocchi a ttocchi la campana sona, li turchi so’ rivati alla matina. Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola, io me l’ho risolate stammatina. Come te pozz’ amá Come te pozz’ amá S’esco da […]

Leggi l'articolo completo »

Quanto sei bella Roma

Quanto sei bella Roma quanto sei bella Roma a primavera er Tevere te serve er Tevere te serve da cintura, San Pietro e er Campidojo da lettiera, Quanto sei bella Roma quanto sei bella Roma a prima sera. Gira si la vòi girà, Canta si la vòi cantà. De qua e de là dar fiume […]

Leggi l'articolo completo »

Nina, si voi dormite

‘Nde ‘sta serata piena de dorcezza pare che nun esisteno dolori. Un venticello come ‘na carezza smove le piante e fa’ bacià li fiori. Nina, si voi dormite, sognate che ve bacio, ch’io v’addorcisco er sogno cantanno adacio, adacio. L’odore de li fiori che se confonne, cor canto mio se sperde fra le fronne. Chissà […]

Leggi l'articolo completo »

Na gita a li castelli

Guarda che sole ch’è sortito Nannì che profumo de rose de garofani e pansè. Come tutto un paradiso li Castelli so’ accosì. Guarda Frascati ch’è tutto un sorriso ‘na delizia, n’amore, ‘na bellezza da incanta’. Lo vedi, ecco Marino la sagra c’è dell’uva fontane che danno vino quant’abbondanza c’è. Appresso vi è Genzano cor pittoresco […]

Leggi l'articolo completo »

Roma nun fa la stupida stasera

Roma nun fa la stupida stasera damme ’na mano a faje di de si Sceji tutte le stelle più brillarelle che poi e un friccico de luna tutta pe’ noi Faje sentì ch’è quasi primavera manna li mejo grilli pe’ fa cri cri Prestame er ponentino più malandrino che ciai Roma nun fa la stupida […]

Leggi l'articolo completo »

La società dei magnaccioni

LA SOCIETÀ DEI MAGNACCIONI Fatece largo che passamo noi, li giovanotti de sta Roma bella, semo ragazzi fatti cor pennello, e le ragazze famo innamorà. e le ragazze famo innamorà. Ma che ce frega, ma che ce importa, se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua, e noi je dimo, e noi je famo, c’hai messo […]

Leggi l'articolo completo »

Articoli precedenti »