Feed on
Articoli
Commenti

Archivio mediante categorie 'Sonetti Giuseppe Gioachino Belli'

15. Ar sor dottore medemo Ma vvoi chi ssete co sto fume in testa che mettete catana ar monno sano? Sete er Re de Sterlicche er gran Zordano, l’asso de coppe, er capitan Tempesta?… Chi sete voi che ffate tanta pesta co’ cquer zeppaccio de pennaccia in mano? Chi ssete? er maniscarco, er ciarlatano… se […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 14 di Giuseppe Gioachino Belli: 14. Ar dottor Cafone Sor cazzaccio cor botto, ariverito, ve pozzino ammazzà li vormijjoni, perché annate scoccianno li cojjoni a cchi ve spassa er zonno e ll’appitito? Quanno avevio in quer cencio de vestito diesci asole a rruzzà cco ttre bbottoni, ve strofinavio a ttutti li portoni: e […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 13 di Giuseppe Gioachino Belli: 13. Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta de scolà er nerbo cincue vorte e mezza? Vò’ un bascio? tiello: vôi n’antra carezza?… Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta. Ma tte stai fermo? Mica sò dde pasta, ché mme […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 12 di Giuseppe Gioachino Belli: 12. A Compar Dimenico Me so ffatto, compare, una regazza bianca e roscia, chiapputa e bbadialona, co ’na faccia de matta bbuggiarona, e ddu’ brocche, pe ddio, che cce se sguazza. Si la vedessi cuanno bballa in piazza, cuanno canta in farzetto, e cquanno sona, diressi: «Ma de […]

Leggi l'articolo completo »

11. Pio Ottavo

Sonetto n. 11 di Giuseppe Gioachino Belli: 11. Pio Ottavo Che ffior de Papa creeno! Accidenti! Co rrispetto de lui pare er Cacamme. Bbella galanteria da tate e mmamme pe ffà bbobo a li fijji impertinenti! Ha un erpeto pe ttutto, nun tiè ddenti, è gguercio, je strascineno le gamme, spènnola da una parte, e […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 10 di Giuseppe Gioachino Belli: 10. Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca Piano, sor è, come sarebbe a dine sta chiacchierata d’er Castèr dell’Ova? Sarebbe gniente mai pe ffà ’na prova s’avemo vojja de crompà galline? Sí! è propio tempo mo, cuesto che cquine, d’annasse a ciafrujjà marcanzia nova! Manco a buttà […]

Leggi l'articolo completo »

9. Er civico

Sonetto n. 9 di Giuseppe Gioachino Belli: 9. Er civico Moàh Menicuccio, quanno vedi coso… Nino er pittore a la Madon de Monti, dijje che caso mai passa li ponti… E damme retta; quanto sei feccioso! Dijje… Ahà! Menicuccio, me la sconti: ma perché me ce fai lo stommicoso? M’avanzi quarche cazzo sbrodoloso? Bravo! ariōca: […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 8 di Giuseppe Gioachino Belli: 8. L’aribbartato Te lo saressi creso, eh Gurgumella, ch’er zor paìno, er zor dorce-me-frega, che mmanco ha ffiato per annà a bbottega, potessi slargà er buscio a ’na zitella? Tu nu lo sai ch’edè sta marachella; tutta farina de quell’antra strega. Mo che nun trova lei chi jje […]

Leggi l'articolo completo »

7. Er pennacchio

Sonetto n. 7 di Giuseppe Gioachino Belli: 7. Er pennacchio   Ah Menicuccio mia, propio quer giorno, la viggijja de pasqua bbefania, quella caroggna guercia de Luscia, lo crederessi?, me mettette un corno. Porca fottuta! e me vieniva intorno a ffà la gatta morta all’osteria pe rrempí er gozzo a la bbarbaccia mia, ’ggni sempre […]

Leggi l'articolo completo »

Sonetto n. 6 di Giuseppe Gioachino Belli: Reprìca ar sonetto de Cianca de li quattro d’agosto 1828 La quale, nun saprebbe, in concrusione stavo a aspettà con du’ lenterne d’occhi: dico er zonetto co ttutti li fiocchi c’avevio da mannamme a ppecorone. Oh vvarda si nnun è da can barbone! Tu me spenni pe ggurde […]

Leggi l'articolo completo »

Articoli precedenti »