Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Sonetti Giuseppe Gioachino Belli » Reprìca ar sonetto de Cianca de li quattro d’agosto 1828

Sonetto n. 6 di Giuseppe Gioachino Belli: Reprìca ar sonetto de Cianca de li quattro d’agosto 1828

La quale, nun saprebbe, in concrusione
stavo a aspettà con du’ lenterne d’occhi:
dico er zonetto co ttutti li fiocchi
c’avevio da mannamme a ppecorone.

Oh vvarda si nnun è da can barbone!
Tu me spenni pe ggurde e ppe mmajocchi,
e cquanno hai da fà ttu… ma ssi mme tocchi
un’antra vorta a mē…, dimme cojjone!

Li disciassette duncue, sor grostino,
nun lo sapete ppiú che ffesta edè?
Pozzi morí, nun è San Giuacchino?

Ar fin de fine che mme preme a mme?
Dico pe ddí che ddrento a cquer boccino
o nun c’è un cazzo, o c’è un ciarvello che…

[1829 – Sonetto n. 6 di Giuseppe Gioachino Belli]

Lascia un commento