Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Sonetti Giuseppe Gioachino Belli » 10. Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca

Sonetto n. 10 di Giuseppe Gioachino Belli: 10. Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca

Piano, sor è, come sarebbe a dine
sta chiacchierata d’er Castèr dell’Ova?
Sarebbe gniente mai pe ffà ’na prova
s’avemo vojja de crompà galline?

Sí! è propio tempo mo, cuesto che cquine,
d’annasse a ciafrujjà marcanzia nova!
Manco a buttà la vecchia nun se trova!
Ma chi commanna n’ha da vede er fine.

Duncue, sor coso, fateve capace
che a Roma pe sto giro nun è loco
da fà boni negozzi; e annate in pace.

E si in quer libbro che v’ha scritto er Coco
lui ce pò ddí cquer che je pare e ppiace,
io dico a voi che ciaccennete er foco.

[28 gennaio 1829 – Sonetto n. 10 Giuseppe Gioachino Belli]

Lascia un commento