Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Sonetti Giuseppe Gioachino Belli » 13. Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto

Sonetto n. 13 di Giuseppe Gioachino Belli: 13. Nunziata e ’r Caporale; o Contèntete de l’onesto

Titta, lasseme annà: che!, nun te bbasta
de scolà er nerbo cincue vorte e mezza?
Vò’ un bascio? tiello: vôi n’antra carezza?…
Ahà! da capo cor tastamme! oh ttasta.

Ma tte stai fermo? Mica sò dde pasta,
ché mme smaneggi: mica sò mmonnezza.
Me farai diventà ’na pera-mezza!
Eppuro te n’ho data una catasta!

E per un giulio tutto sto strapazzo?
Ma si mme vedi ppiú pe ppiazza Sora…
Oh vvia, famme cropí, cc’ho ffreddo, cazzo!

Manco male! Oh mmó ppaga. Uh, ancora tremo!
Addio: lasseme annà a le cuarantora,
e öggi, si Ddio vò, cciarivedemo.

[14 febbraio 1830 – Sonetto n. 13 Giuseppe Gioachino Belli]

Lascia un commento