Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Stornelli romaneschi » Proverbi romani

A chi tocca nun se ‘ngrugna.
A la fija de la vorpe nun je ‘s ensegna a tana.
A incazzatte fai du’ fatiche: te incazzi te scazzi
A l’omo de poco faje accenne er foco.
A Roma Iddio nun è trino, ma quattrino.
A Roma pe’ fa fortuna ce vonno tre d, donne, denari e diavolo.
A sapé’ fa’ la scena, quarcosa se ruspa.
Accosta er pane ar dente che la fame s’arisente.
All’arbero der fico nun ce pò nasce a persica.
Basta esse donna pe’ avé’ er segreto de falli beve e cojonalli tutti.
C’entra perché ce cape.
Can che abbaia… nun morde
Chi arriccia appiccia
Chi cià er pane, nun cià li denti e chi cià li denti nun cià er pane.
Chi caca su la neve poi se scopre.
Chi de speranza vive, disperato more.
Chi è bella se vede, chi è bona se sà.
Chi nasce tonno nun pò morì quadro.
Chi mena pe’ pprimo mena du’ vorte.
Chi se china troppo fa véde er culo.
Chi se serve da sé, è servito come un re.
Chi sparte cià la mejo parte.
Chi stupido nasce, stupido ha ‘dda morì.
Chi va a dormì cor culo che je rode, se sveja cor dito che je puzza.
Chi va ‘ppe ‘sti mari, riccoje ‘sti pesci.
Con affetto e sentimento, meno te vedo e mejo me sento.
Cristo nun mena mai co’ du’ bbastoni.
Chi tardi ariva, male alloggia.
Daje e ddaje pure li piccioni se fanno quaje.
Dentro ‘a bbotte piccola ce sta er vino bono, ma ‘n quella grossa ce ne sta ‘de più.
Dentro ‘a bbotte piccola ce sta l’aceto.
Donna che move l’anca si ‘né mignotta poco ce manca.
Donna che move l’anca, vacca o poco ce manca.
Donna de quarant’anni buttela ar fiume co’ tutti li panni.
Dimme a rotonna nun me dì er Panteon
È mejo ‘n culo callo ‘n pansa che ‘na pansa calla ar culo.
È mejo largo che attappa che lungo che sciacqua.
Er sordo che nun sente a prima voce, se vede che er discorso nun je piace.
E donne so mejo a letto che ar chilo
Faccia roscia, pansa moscia.
Fatte er nòme e va’ a rubbà.
Fìdate de la vorpe e der tasso, ma nun te fidà della donna dar culo basso.
Fà der bene all’asini che ce ricevi i carci in pansa.
In gioventù er casino, in vecchiaia Cristo e vino.
In tempi de guera, ogni buco è ‘na trincea.
In tera de cechi, beato chi cià ‘n occhio.
In tempo de carestia, ogni buco è galleria.
La donna è come la castagna: bella de fora e drento la magagna.
La gatta frettolosa fece li fii cechi.
L’amore nun è bbello si nun è litigarello.
L’erba der vicino… s’a cura da solo.
Le bucie cianno ‘e gambe corte.
Le donne cianno er core peloso.
Lenticchia beato er corpo ‘n dò se inficca.
Li mejo bocconi sò der còco.
Li romani parleno male, ma penseno bbene.
Li sòrdi che ariveno co’ er trallarallà se ne rivanno cor lallerallero.
L’omo, pe’ esse omo, a ‘dda puzzà.
L’ora de oggi, nun è quella de domani.
Le scoregge puzzeno de più.
L’omo senza la pansa è come er cèlo senza e stelle
L’unica cosa bella de Milano è er treno pe Roma.
Male nun fa’, paura nun avé.
Me dici er Panteon… e dimme ‘a rotonda che nun te capisco.
Mejo che la pansa mia crepi che la bbontà de Ddio se sprechi.
Mejo faccia tosta, che pansa moscia.
Mejo puzzà de vino che d’acqua santa.
Mejo svejasse cor culo gelato che co’ ‘n gelato ar culo.
Moje che se ggira ar fischio, p’er marito è solo rischio.
Mejo na gallina oggi che n’ovo dom
‘Na mela fracica ne guasta cento bbone.
‘Ndove nun c’è er guadambio, la remissione è ccerta.
Noi romani l’aria der menefrégo l’avémo avuta concessa da Cristo.
Nun te fa’ cantone che te pisciano addosso.
Non sputà in cèlo che te ricasca ‘n bocca
O a Napoli ‘n carozza o ‘a macchia a fa’ er carbone.
Ognuno co’ ‘a farina sua ce fa li gnocchi che je pare.
Omo de panza, omo de sostanza.
Omo de vino nun vale ‘n quatrino.
Omo incazzito è un merlo ar vischio, la donna è un cacciator de schiopperéte che va a caccià cojoni senza fischio.
Pansa piena, nun pensa a pansa vota.
Pe’ conosce bbene ‘a famia, prima ‘a madre e poi la fia.
Piano merlo che la fratta è lunga
Porta aperta pè chi porta, chi nun porta parta pure
Quanno anche la merda avrà valore i poveri nasceranno sensa culo.
Quann’è vvizzio nun è ppeccato.
Quanno la bocca magna e er culo renne, in culo alle medicine e a chi le venne.
Quanno te dice male mozzicheno pure ‘e pecore.
Quanno te sveji co’ quattro palle, er nemico è alle spalle.
Quello che nun strozza ‘ngrassa.
Rigala émmorto, Donato sta ppe’ mmorì, Tranquillo se lo so’ ngroppato e Pazienza sta ar gabbio.
Roma è ‘na città devota, ogni strada un convento, ogni casa ‘na mignotta.
Roma fu fatta un po’ pé’ vorta.
Sacco vôto nun s’aregge dritto.
Seee… e mo’ se coce ‘sto riso.
Se mi nonno c’aveva le rote era ‘na cariola.
Se mi nonno c’aveva tre palle era ‘n flipper.
Se stava mejo quanno se stava peggio.
Se tte ‘ncazzi e poi te scazzi è tutto ‘n cazzo che tte ‘ncazzi.
Si moro e poi arinasco prego Dio de famme rinasce a Roma mia.
Si nun è zuppa è pan bagnato.
Si nun sei re, nun fa’ legge nova e lassa er monno come se trova.
Si Roma c’avesse er porto Napoli sarebbe ‘n orto.
So tutti froci cor culo dell’altri
Sotto la panza la mazza avanza.
Sta’ colli piedi ‘nde le scarpe tua.
Stai a cazzo dritto che piove fregna
Tanto va la gatta al lardo che ce lascia lo zampino.
Te fai come l’antichi che se magnaveno le cocce e buttaveno li fichi.
Troppi galli a cantà, nun se fa mai giorno.
Tutte le strade porteno a Roma.

Lascia un commento