Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Canzoni romane » A lacrime de vino

Stanotte doppo ‘n anno d’agonia
me sò riabbraccicato la chitara
a core a core cò ‘st’amica cara
me sò ‘mbriacato alla salute mia
er vino m’h’annebbriato er sentimento
e adesso quasi quasi a tradimento
m’ha riportato qua
e mo già che ce sto vojo cantà

Fior de caggìa
li baci che sa dà la bocca tua
se l’è ‘mparati sulla bocca mia
aaa
aaaaaa

Stanotte nu’ lo so si che me sento
io nu’ lo so capì che m’è successo
me vié da piagne ride ar tempo stesso
e me vorebbe sperde come er vento
sò scherzi che combina l’allegria
nun te li compri drent’all’osteria
nun te ne poi fidà
e mo già che ce sto vojo cantà

Fior de giardino
ho pianto ‘n annastille de veleno
mo me te piagno a lacrime de vino
aaa
aaaaaa

Quanto sei bella,
quanto me piaci,
mozzichi e baci,
te vojo da’.

Lascia un commento