Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Sonetti Giuseppe Gioachino Belli » 9. Er civico

Sonetto n. 9 di Giuseppe Gioachino Belli: 9. Er civico

Moàh Menicuccio, quanno vedi coso…
Nino er pittore a la Madon de Monti,
dijje che caso mai passa li ponti…
E damme retta; quanto sei feccioso!

Dijje… Ahà! Menicuccio, me la sconti:
ma perché me ce fai lo stommicoso?
M’avanzi quarche cazzo sbrodoloso?
Bravo! ariōca: come semo tonti!

Cosa te vo’ giucà, pe ddio de legno,
che si te trovo indove sò de guardia,
te do l’arma in der culo e te lo sfregno?

Dijje pe vvíede che sto ppropio a ardia,
che voría venne un quadro de disegno
che c’è la morte de Maria Stuardia.

[1829 – Sonetto n. 9 Giuseppe Gioachino Belli]

Lascia un commento