Feed on
Articoli
Commenti
Sei qui: Home » Sonetti Giuseppe Gioachino Belli » 14. Ar dottor Cafone

Sonetto n. 14 di Giuseppe Gioachino Belli: 14. Ar dottor Cafone

Sor cazzaccio cor botto, ariverito,
ve pozzino ammazzà li vormijjoni,
perché annate scoccianno li cojjoni
a cchi ve spassa er zonno e ll’appitito?

Quanno avevio in quer cencio de vestito
diesci asole a rruzzà cco ttre bbottoni,
ve strofinavio a ttutti li portoni:
e mmó, bbuttate ggiú ll’arco de Tito!

Ma er popolo romano nun ze bbolla,
e quanno semo a ddí, ssor panzanella,
se ne frega de voi co la scipolla.

E a Rroma, sor gruggnaccio de guainella,
ve n’appiccicheranno senza colla
sette sacchi, du’ scorzi e ’na ssciuscella.

[14 febbraio 1830 – Sonetto n. 14 Giuseppe Gioachino Belli]

Lascia un commento